“Il nostro vero obiettivo dev’essere non solo vivere più a lungo, ma godere del tempo guadagnato, in uno stato di salute che consenta una vita attiva del corpo e soprattutto della mente”. Umberto Veronesi
“Il nostro vero obiettivo dev’essere non solo vivere più a lungo, ma godere del tempo guadagnato, in uno stato di salute che consenta una vita attiva del corpo e soprattutto della mente”. Umberto Veronesi

La tecnologia che aiuta a stare in forma: Fitbit

Cercare di mantenere uno stile di vita sano o seguire una dieta può risultare molto complicato se non si hanno le giuste nozioni in materia di sport e nutrizione. La tecnologia però ci può essere di grande aiuto. In questo articolo voglio farvi conoscere un dispositivo di cui mi sono innamorata: il Fitbit.

Il Fitbit sembra un semplice orologio. In relata’ è un rilevatore della nostra attività quotidiana. Fondamentalmente rileva due parametri: il battito cardiaco e i movimenti. Mettendo insieme questi due parametri durante la giornata calcola la spesa energetica quotidiana, cioè quante calorie consumiamo. Può sembrare un dato banale ma per chi segue una dieta è fondamentale ricordare che il dimagrimento avrà successo solo se le calorie che consumiamo sono superiori a quelle che introduciamo.

 

Questo rilevatore è collegato all’app Fitbit da scaricare sul proprio telefono o alla pagina Fitbit alla quale registrarsi sul proprio computer.
Come prima cosa sarà necessario dare all’app o al sito le nostre informazioni generali tra cui sesso, età, peso, altezza. In questo modo calcolerà in automatico quante sono le calorie minime necessarie al nostro corpo a riposo e cioè il nostro metabolismo basale. Indossando il dispositivo per l’intera giornata al metabolismo basale verranno aggiunte le calorie che consumiamo a seconda di quanto ci muoviamo o a seconda dell’attività fisica che stiamo svolgendo. In questo modo avremo una soglia calorica da non superare con l’alimentazione se non si vuole aumentare di peso.

Possiamo però impostare dall’app anche una restrizione calorica più o meno importante a seconda della velocita con cui si desidera perdere peso. Questa diventerà la nostra soglia di calorie giornaliere da non superare con l’alimentazione.

Ma come fare a capire quante calorie stiamo introducendo?
L’app così come il sito, contiene una funzione che secondo me è indispensabile per chi segue una “dieta fai da te”: il diario alimentare. Questa funzione consente di caricare gli alimenti che si mangiano e le loro quantità in maniera abbastanza rapida. Il database degli alimenti è enorme, e si possono trovare anche specifiche marche. All’inizio può sembrare un lavoro un po’ noioso ma col tempo il lavoro diviene più snello anche grazie al fatto che gli alimenti che si consumano con più frequenza rimangono registrati. Molto utile anche la possibilità di inserire non solo i grammi del cibo consumato ma anche le misure casalinghe, es. 1 cucchiaio o 1 tazza etc.
Durante la giornata sarà possibile monitorare il diario per comprendere se siamo sulla giusta strada nel rapporto calorie introdotte e calorie consumate così come a fine giornata per comprendere se abbiamo fatto un buon lavoro.

Il diario alimentare è uno strumento fondamentale per ottenere consapevolezza della nostra alimentazione. Spesso infatti si tende a consumare alimenti altamente calorici senza neanche rendersene conto. Con questa funzione si impara a nutrirsi.
Inoltre vengono indicate le percentuali di carboidrati, proteine e grassi introdotte per poter seguire una dieta non solo ipocalorica ma anche bilanciata.

Un’altra funzione molto interessante riguarda il monitoraggio dell’attività fisica. Può riconoscerlo autonomamente se il nostro battito cardiaco aumenta e si mantiene per alcuni minuti o possiamo attivarlo noi manualmente dal dispositivo scegliendo tra diverse attività: corsa, camminata, sollevamento pesi, yoga, etc. Alla fine della sessione otteniamo un report indicante l’andamento del battito cardiaco, le calorie consumate e se si è svolta prevalentemente una seduta cardio o brucia grassi.

Sempre in tema di movimento il Fitbit possiede anche un contapassi, rileva quanti passi facciamo ogni giorno.
È un indicatore del nostro livello di attività e salute considerando che il numero minimo consigliato sono 5000 passi giornalieri ci si può rendere conto se facciamo almeno il minimo indispensabile per tenerci in salute. Quando non ci muoviamo abbastanza una piccola vibrazione del nostro “orologio” ci ricorda che sarebbe il caso di muoversi un pochino.

Altra funzione che trovo particolarmente interessante è quella del monitoraggio del sonno. Il Fitbit rileva quanto tempo si trascorre in ogni fase del sonno: rem, sonno leggero, sonno profondo e fasi di veglia. La carenza di sonno causa mancanza di memoria aumento dell’impulsività e irritabilità ma anche aumento del peso e deficienza immunitaria. In pochi sanno per esempio che durante la fase del sonno profondo avviene una vera e propria rigenerazione cellulare ed energetica. Quando si invecchia si perde la capacità di entrare in questa fase.
Si può cosi considerare il sonno profondo un indice della nostra età biologica.

Di Fitbit ne esistono diversi modelli, alcuni hanno anche il gps integrato. La durata della batteria è di ben 5 giorni. Io personalmente sto utilizzando il Charge 2, un modello intermedio il quale non possiede gps integrato ma lo si può collegare al cellulare per tenere traccia dei percorsi svolti. Lo consiglierei? Si, assolutamente e non solo agli sportivi, a chiunque voglia monitorare il proprio stato di salute o di nutrizione.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: